Chi siamo | Servizi | Dove siamo | Contatti  

Servizi
Recinzioni elettriche


Il Chianti oltre ad essere una meta per molti turisti è anche una zona ricca di produttori di vino e allevatori di bestiame, per questo abbiamo deciso di prendere in considerazione il settore delle recinzioni elettriche. Queste nascono in primis per tenere sotto controllo il bestiame nei pascoli, ma negli ultimi anni, specialmente nelle zone aventi come caratteristica del territorio campi coltivati e boschi, sono state utilizzate anche per proteggere il raccolto dagli animali selvatici (cinghiali, daini, ecc.), ultimamente anche per la protezione di giardini.

CHE COS'E' UNA RECINZIONE ELETTRICA E COME FUNZIONA:
La recinzione elettrica non deve avere necessariamente una resistenza fisica, perché raramente viene messa sotto pressione. Tuttavia deve essere ben progettata e costruita per assorbire la pressione di animali, e i carichi da neve e vento in alcune aree. Inoltre , è essenziale che vi sia una potenza appropriata alla lunghezza della recinzione installata e agli animali da controllare. Una recinzione elettrica è formata da 3 componenti:
  • Elettrificatore
  • Sistema di messa a terra
  • Sistema di recinzione
L'elettrificatore deve essere collegato con il suo morsetto di terra ad un sistema di messa a terra adeguato. Un elettrificatore correttamente installato invia corrente elettrica lungo un filo metallico isolato. Quando un animale tocca questo filo sotto tensione, si crea un passaggio per la corrente elettrica attraverso il suo corpo fino al terreno e di nuovo verso l'elettrificatore attraverso il sistema di messa a terra, completando così il circuito. Maggiore è la scossa ricevuta dall'animale, più duraturo sarà il ricordo e più la recinzione sarà rispettata in futuro. La scossa subita è una combinazione di voltaggio della recinzione e tempo d'impulso (energia). Maggiore è la potenza nominale in joule dell'elettrificatore, maggiori saranno la scossa e la prestazione della recinzione, purchè l'installazione sia corretta.